Chianti Classico e Octagon, dilemma risolto

Ci stiamo avvicinando sempre di più alla prossima tasting list e gli ultimi conteggi sul sondaggio svolto prima delle Feste rivelavano una comprensibile indecisione per la scelta fra l’Octagon, in arrivo direttamente dalla nostra tenuta di Barboursville, in Virginia, e il Chianti Classico 2007 di Castello d’Albola, recentemente segnalato e premiato da Wine Spectator.

Ho pensato allora che la cosa migliore fosse vincere ogni dubbio facendoveli assaggiare entrambi, non appena arriverà l’Octagon dagli Stati Uniti (vi terrò ovviamente aggiornati sulle tempistiche).

Sono due vini di grande personalità, ognuno con la sua storia. Ve li presento proprio come si farebbe con due cari amici che vi accompagnano ad una festa, cercando di essere il più imparziale possibile, così che i due “rivali” possano gareggiare ad armi pari una volta entrati nelle vostre case.

Il Chianti Classico 2007 Castello d’Albola entra in questa tasting list di diritto dopo essere stato segnalato dal magazine americano “Wine Spectator” come uno dei Top 100 di quest’anno. Sarà interessante capire il pensiero di palati spesso diverso, quello americano e quello italiano. Questo Sangiovese di Radda in Chianti (Siena) conserva l’eredità del territorio da cui proviene, che ha sempre dato vita a vini armonici, di equilibrio e dalla struttura vellutata.

Merlot, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon e Petit Verdot sono invece i vitigni che compongono l’Octagon, taglio bordolese prodotto in Virginia il cui nome richiama la stanza ovale della villa disegnata da Thomas Jefferson per il governatore James Barbour, all’epoca proprietario della Tenuta..

Invecchiato in botti di rovere francese, è di un colore granato intenso e sprigiona un aroma di prugna, cassis, caffè e bacche.

Come avrete già capito tengo molto ad entrambi e, scherzi a parte, ci tengo a ricordare che come sempre lo spirito della tasting list non è quello della sfida fra due vini ma del confronto reciproco e del dialogo sul vino.

Sono curioso di scoprire i vostri commenti a degustazione avvenuta, e credo lo saranno ancor più i 2 enologi, entrambi piemontesi, ma trapiantati in Toscana e Virginia.

get your ex back
zp8497586rq

Commenti: 5

  1. riccardo pastore

    Nel settembre 2009, durante la “fotovendemmia” ho avuto l’opportunità di visitare la splendida tenuta di Castello d’Albola.

    Per chi volesse conoscerla più da vicino, vi segnalo il reportage fotografico che ho avuto modo di realizzare durante quell’occasione:
http://www.flickr.com/photos/parik/sets/72157622486111396

  2. M.Grazia

    Molto bene Francesco! In effetti era un po’ difficile fare una scelta. Nel tasting precedente, ricevere i due vini ha permesso di farsi un’ idea più completa della filosofia aziendale, superando la pura e semplice degustazioe del Symposio. In questo caso avremo… Toscana e Virginia.

    Sarà molto interessante.

    A presto!


    M.Grazia

  3. stevetamburo

    Bene… Per non escludere nessuno, meglio entrambi!!! Ottima scelta.
Spero di avere l’onore di far parte dei tester.


    A presto.

  4. Tasting list 2011: si parte | Wine is love

    [...] tengo a ricordare, o ad annunciare, per chi non avesse seguito le puntate precedenti, che i due vini della prossima tasting list saranno il Chianti Classico 2007 di Castello [...]

  5. Farniente Ristorante

    Ciao Francesco,
    continuiamo ad apprezzare la produzione del Castello di Albola e riteniamo interessante questa iniziativa.

    Ci candiamo, qualora fosse possibile, alla partecipazione al tasting sopra.

    Cordialita’,
    Team Farniente Ristorante & Catering