Il miglior MWF degli ultimi 3 anni

Sono rientrato da poco da una serie di viaggi di lavoro e sono già in partenza per il Giappone, ma durante il weekend a casa ho letto vari articoli e post (più o meno positivi) sull’ultimo Merano Wine Festival, al quale era presente mio fratello Domenico, con la tenuta salentina di famiglia, la Masseria Altemura.
Tirando le prime somme, anche per quest’anno gli eventi dedicati al vino, quelli ben organizzati, continuano ad avere grandi riscontri e l’appuntamento altoatesino in particolare, dove si riunisce l’eccellenza enologica italiana e internazionale, non delude mai. So infatti da mio fratello e dal commerciale in generale che l’edizione terminata da poco è stata una delle migliori degli ultimi 3 anni, anche per il fatto che la sala nella quale eravamo posizionati era di gran passaggio (e questo aiuta non poco!).

Domenico mi ha raccontato che tornare al Merano Wine Festival è sempre entusiasmante per la passione, la competenza, l’eccellenza di espositori e visitatori che si incontrano annualmente in Kurhaus.
Dal punto di vista tecnico i nostri vini sono stati molto apprezzati e anche diversi consumatori privati si sono dimostrati curiosi e informati nei confronti di uno dei vitigni autoctoni più rappresentativi della Puglia e dei vini rossi che ne derivano. Complice di tale successo, senza dubbio, anche il momento di crescente consenso per il Primitivo, visti gli ottimi risultati ottenuti quest’anno su tutte le guide.

Come ho detto, lo stand di Masseria Altemura quest’anno era in ottima posizione, e favoriva le degustazioni e gli incontri commerciali.
Noi abbiamo presentato al festival l’Altemura di Altemura, Primitivo di Manduria DOC 2008, e il Sasseo, Primitivo del Salento IGT 2009: dagli assaggi proposti abbiamo potuto notare che gli Italiani hanno un gusto più orientato al nostro cru, caratterizzato da sentori di frutti maturi quasi in confettura, dal gusto caldo, avvolgente, morbidissimo, consistente e ricco di sensazioni varietali e territoriali; gli stranieri, invece -da noi sono passati soprattutto Tedeschi e Austriaci-, al Sasseo, che colpisce per i profumi intensi e pieni che richiamano la prugna, la frutta rossa matura, le spezie dolci e i tannini più morbidi.
Oggetto di sorpresa e discussione, infine, l’anteprima 2010 di Altemura di Altemura da botte: nonostante l’equilibrio ancora da raggiungere, condizione tipica di un vino non ancora pronto, tutti i degustatori ne hanno valutato l’incremento qualitativo costante e la grande potenza unita a una inaspettata eleganza (le vigne cominciano finalmente ad invecchiare…).

La presenza della stampa -specializzata, in prevalenza- è sicuramente inferiore rispetto ad altre manifestazioni, perchè questa storica e lussuosa fiera è, come da tradizione, maggiormente seguita da produttori e importatori o ristoratori, enotecari e operatori (anche per i costi che ha), ma è interessante la recente apertura nei confronti dei new media durante la kermesse.
Per avere un’idea dei risultati ottenuti, noi abbiamo potuto realizzare, in due giorni, circa 30 incontri commerciali, una decina di appuntamenti con la stampa e salutare molti amici produttori italiani e internazionali, tra cui il Professor Dubourdieu.

L’anno prossimo spero di esserci, tanto per partecipare alla fiera, quanto per godere la bellezza di Merano, città in cui convivono pacificamente vino e birra, eleganza e storia, divertimento e rigore, ottima cucina e benessere termale, paesaggi splendidi e sapiente ospitalità.

Fatemi sapere intanto se, visto che sono partiti i lavori di costruzione della nostra nuova cantina in Salento, vi interesserà visitare la Masseria Altemura o degustare i vini selezionati per il Merano Wine Festival: penso alle prossime tasting list…


Commenti: 2

  1. alessandro evaristo

    posso acquistare i vostri prodotti direttamente presso le vostre cantine, tramite spedizione con corriere? in attesa di gradita risposta Vi saluto con affetto e vi faccio i migliori complimenti per i vostri prodotti (che già conosco solo in parete) e per il vostro infinito e ammirevole impegno. Alessandro

  2. Francesco Zonin

    Caro Alessandro,
    ti ringrazio delle bellissime parole che mi rendono ancora più orgoglioso del lavoro che ho l’onore di fare. Puoi sicuramente comprare i vini che preferisci scrivendo direttamente alle tenute oppure rivolgendoti all’Enoteca di Casa Vinicola Zonin di Gambellara, nella quale troverai una selezione completa dei nostri prodotti, e dove Marco Pretto (marco.pretto@zonin.it), il responsabile, ti saprà assistere al meglio.
    Saluti,

    Francesco



Lascia un commento


*obbligatori