Il nuovo Direttore Enologo di Feudo Principi di Butera.

Non è facile raccontare cosa si prova ad entrare nella Contrada Deliella in veste di Enologo di Feudo Principi di Butera.

Sia perché sul piano professionale rappresenta una sfida importante, sia per la grande passione per il vino, tramandatami dalla mia famiglia, e sia per il fatto che legarsi ad una terra ricca di storia, di tradizioni e ad eccellente vocazione viticola – quale è la Sicilia – emozionerebbe chiunque.

Essendo l’ultimo arrivato, mi sembra giusto raccontare qualche cosa di me.
Ho trentasei anni e sono nato in Calabria. Dopo una Laurea in Scienze Agrarie, ho approfondito con un percorso accademico e delle consulenze le competenze in viticoltura ed enologia. Più avanti, ho ottenuto la docenza universitaria presso le facoltà di Agraria di Reggio Calabria e Farmacia di Catanzaro (e un dottorato di ricerca in Scienze e Biotecnologie Agrarie presso l’Università di Modena).

Per la mia carriera, c’è un’altra regione che ha svolto un ruolo cruciale: la Toscana, dove, nel 2005, mi
trasferii con mia moglie Carmen, in qualità di enologo di una prestigiosa cantina. La soddisfazione fu tanta quando il vino che volevamo migliorare ottenne, dopo i nostri sforzi, numerosi riconoscimenti anche in ambito internazionale.

Oggi, come dicevo, sono orgoglioso di far parte della “famiglia” Zonin, occupandomi di questi 180 ettari di vigneti con varietà sia autoctone che internazionali, che permettono di gestire il sistema vegeto-produttivo in modo efficiente.

L’annata si presenta interessante, con un buona escursione termica tra il giorno e la notte, con una corretta carica d’uva attualmente nella fase di ingrossamento dell’acino. In cantina, fervono i preparativi per l’imminente vendemmia che secondo le previsioni ci vedrà coinvolti a partire dalla seconda-terza settimana di agosto.

Mi farà davvero piacere se qualche lettore di Francesco deciderà di farmi visita qui a Butera. Consiglio a tutti una visita alle cantine e ai vigneti. Inoltre, è in preparazione il Deliella 2006. Quindi se ne volete un’anteprima… Vi aspetto.


Commenti: 4

  1. fabio

    Ciao, allora forse potrà interessarti questa degustazione video velocissima che abbiamo fatto durante Vinitaly nello vostro stand: http://www.vinoglocal.it/post/755/deliella-2002-sicilia-igt-feudo-principi-di-butera sul Deliella 2002, quello che secondo noi è risultato il migliore dei vari Deliella (annate) che abbiamo bevuto

  2. Antonio

    Ciao Fabio, grazie: il tuo video è molto interessante. Spero ci sarà l’occasione di degustarlo anche insieme magari al prossimo Vinitaly, oppure se passi da queste parti :)

  3. fabio

    Senz’altro! Alla prossima,
    Fabio

  4. Jon Hurley

    Hi Antonio,

    I greeted the new year in Edinburgh dining with friends at the Angels with Bagpipes restaurant, which I understand, has some connection with the excellent Valvona and Crolla, the Italian wine specialists. The red I chose was your Reis 2007, which they were out of but offered the 2008. This proved to be so more-ish we had more. Everyone loved it’s unusual, fruity, spicy flavour.



Lascia un commento


*obbligatori