L’olio extra vergine d’oliva: cosa produciamo 

L’estate è alle porte: viene voglia di una cucina sfiziosa, fatta di sapori “a freddo”, di antipasti e insalate accompagnate da vini bianchi e freschi.

La famiglia Zonin non produce solo vini, ma anche olio d’oliva pregiato in 2 tenute distribuite geograficamente fra le migliori regioni di produzione d’olio: la Sicilia e la Toscana.

Scopriamo quali.

L’olio extra vergine di oliva della tenuta Feudo Principi di Butera, nella contrada Deliella a Butera (Caltanissetta), utilizza le varietà di Nocellara Etnea e Nocellara del Belice con una raccolta per brucatura a mano sulle colline siciliane, a un’altitudine media di circa 300 metri, al riparo da parassiti.

Un olio giallo dorato intenso estratto a freddo, dal profumo di erbe fresche e mentuccia e dal sapore ricco, con una nota piccante in chiusura.

L’olio di Castello d’Albola, in Toscana, è un olio extra vergine di oliva delle varietà Frantorio, Moraiolo e Leccino. Viene prodotto sulle colline di Radda in Chianti, a 400 metri circa e raccolto per brucatura a mano.

Dorato, con tendenza al verde, limpidissimo, estratto a freddo, profuma di pino ed è leggermente piccante quando fresco di frangitura, per poi arrotondarsi fino a virare al mandorlato.

Come per il vino, anche in questo caso dovremmo cercare di portare molta più cultura dell’olio extra vergine a conoscenza dei consumatori. Cosa ne pensate? E come fareste voi?


Commenti: 7

  1. Azienda Olio del Gargano

    Tutto l’Olio Extravergine prodotto nel territorio italiano è davvero unico egustoso. Lo afferma la stampa, la tv, le radio e tutti i mezzi informatii, senza poi parlare del passaparola, strumento marketing di notevole effetto in questo campo. Il nostro olio è davvero unico e non ha pari nel mondo.

  2. Fiorella Cutrufello

    I would like to see more information on which wines to pair with certain olive oils used in fresh salads.
    With salads I like wine, and depending on the time of year, the ingredients I use in the salads vary.
    For instance, we gathered the last of the wild lettuces from our garden, very young, tender and pungent, to use in a salad accompanying the various dishes served for Christmas Eve’s Feast of the Seven Fishes.
    I was disappointed in the olive oil I used, Frantoia Barbera Extra Virgin Olive Oil. The salad greens were too sharp and the wine should have been a light red, not white.

    What olive oil would you have suggested?

  3. mario

    ….nelle degustazioni ..lo farei assaggiare (obbligatoriamente :-) …. ) prima del vino..solo x rispetto alla tradizione che ha il prodotto olio..

  4. Francesco Zonin

    Ciao Mario,
    Grazie del suggerimento!
    E’ nostra abitudine far assaggiare l’olio extra-vergine d’oliva che produciamo a Castello d’Abolla in Chianti e presso il Feudo Principi di Butera in Sicilia dopo i vini delle rispettive tenute.
    Faremo comunque un test per farli degustare prima.
    Alla prossima,

    Francesco

  5. Francesco Zonin

    Dear Fiorella,
    I’m sure I’m not the best person to take counsel about this subject… I’m sorry!
    Anyway, honestly I love our extra virgin olive oil and personally I prefer the Feudo Principi di Butera’s sicilian type with fresh salads and the Castello d’Albola’s one, from the century-old groves in Chianti, to dress stewed seasonal vegetables.
    However I hope that some of my friends could give you more technical and careful answer concerning others Italian regions that I know less but where I’m certain the extra virgin olive oil production is excellent.

    Cheers,

    Francesco

  6. mario

    …e , se sempre posso,…ti consiglio di far assaggiare minimo 2 tipi di olio anche della stessa annata, però prodotti in periodi di raccolta diversi (ottobre e dicembre) oppure uno della campagna oleicola precedente (ben conservato) e uno nuovo… perchè qualcuno preferisce ”quello più dolce”…e se poi …vuoi far assaggiare anche il mio…:-) :-)

  7. Francesco Zonin

    Grazie ancora, Mario per il tuo contributo: riguardo alla degustazione di olio, visto che mi pare di capire che sei produttore anche tu, ribadisco che seguirò con piacere anche i tuoi consigli!
    Alla prossima,
    Francesco



Lascia un commento


*obbligatori