Vendemmia 2008 a Cà Bolani: approfondimento

Il 2008 è partito bene, una cacciata regolare ad aprile (rispetto all’anno scorso, molto anticipata) e molto buona, faceva ben sperare. Purtroppo, o per fortuna, la pioggia durante la fioritura ha fatto quello che la natura fa da secoli, da sola: ha ridotto la produzione abbondante della cacciata primaverile. Tutto poi è proseguito bene, e grazie al magnifico sole delle ultime settimane siamo riusciti ad ottenere una produzione sana ed equilibrata. E da una iniziale stima al ribasso di circa il 10% della produzione, oggi pensiamo di chiudere quasi a livello dell’anno precedente.

Abbiamo appena terminato la raccolta delle uve bianche mentre gran parte delle uve rosse sono ancora sulla pianta. Per ora osserviamo uve rosse con buona gradazione ma non perfetta maturità fenolica (buona acidità, ma il colore è ancora un punto di domanda). Abbiamo terminato la raccolta del Merlot con buoni risultati, mentre rimangono ancora da vendemmiare il Cabernet Franc, il Cabernet Sauvignon e il Refosco dal Peduncolo Rosso.

Probabilmente vendemmieremo il Cabernet Sauvignon dopo il 20 ottobre, una vera rarità, non era mai successo prima! Il Refosco, invece, sconta un’invaiatura non uniforme ma che sta man mano migliorando. Credo cominceremo la raccolta la prossima settimana (lo scorso anno avevamo già pigiato!). Magari vi terrò aggiornati, ci tengo particolarmente.

Capitolo a parte per le uve bianche aromatiche. Qui il giudizio di tutti i collaboratori della Tenuta Ca’ Bolani è molto positivo, abbiamo raccolto uve con ottimi profumi e aromi e con una gradazione leggermente inferiore alla media. Mediamente una produzione in linea con lo scorso anno, fatta eccezione per il Traminer, grande protagonista qui ad Aquileia, e il Sauvignon Blanc (ma le uve hanno maggiori cariche aromatiche e ben bilanciate). Siamo entusiasti anche del Friulano, che grazie all’escursione termica soprattutto del mese di settembre (con minime molto basse) ha dato grandi risultati al naso.

Adesso dobbiamo solamente cercare di non rovinare in cantina quanto di buono abbiamo fatto per un anno in vigna!




Lascia un commento


*obbligatori